L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato nel 2015 l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per il benessere delle persone, la protezione dell’ambiente e la prosperità dei Paesi. Nell’Agenda sono individuati 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs), finalizzati a un modello di sviluppo che coniughi gli aspetti economici con quelli sociali e ambientali, in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità di soddisfare quelli delle generazioni future.
I 17 obiettivi dell’Agenda 2030 vanno misurati e monitorati nel tempo, per ricalibrare le politiche e le azioni di intervento. Gli SDG sono organizzati in un sistema di 169 target e oltre 200 indicatori, con i quali vengono delineate a livello mondiale le direttrici dello sviluppo sostenibile dei prossimi anni. La finalità è quella di offrire un quadro integrato di informazioni quantitative comparabile a livello internazionale, per la misurazione del benessere, della qualità ambientale e della green economy nel quadro dello sviluppo sostenibile.

Note metodologiche

Nei grafici pubblicati si riportano le serie storiche 2010-2017 (2016 dove non disponibile il 2017) degli indicatori scelti per ogni obiettivo riferiti al comparto territoriale regionale, al Centro Italia e nazionale e l’indicatore composito elaborato da ASviS(1) per ciascun obiettivo secondo il metodo di calcolo AMPI in seguito modificato per il BES. L’indicatore composito è una combinazione di diverse misure elementari ed esprime in sintesi il percorso di avvicinamento o di allontanamento del territorio rispetto ad ogni indicatore considerato dello specifico GOAL (obiettivo).
Posto a 100 il valore italiano del 2010, l’indicatore composito permette di osservare la performance nel tempo della nostra regione rispetto all’obiettivo e il confronto con l’andamento medio nazionale e di quello delle regioni del comparto territoriale Centro (Toscana, Marche, Umbria e Lazio).
Nella scelta degli indicatori considerati per ogni GOAL, ai fini del calcolo di ogni indicatore composito si è tenuto conto solo di quelli disponibili per la serie storica 2010-2017 (2016).

Il GOAL 8 e gli indicatori prescelti

Il Goal 8 persegue l’obiettivo di incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti. Un presupposto per una crescita economica sostenibile e inclusiva è rappresentato dall’accesso per tutti gli individui a un lavoro adeguatamente retribuito.

Nel 2017, in Umbria, il tasso di crescita annuo del PIL reale per abitante è in miglioramento rispetto all’anno precedente ritornando su valori positivi (0,4%), anche se ancora sotto la media nazionale e del Centro. Nel periodo esaminato (2010-2017) il dato più elevato per l’Umbria si è registrato nel 2015, quando ha raggiunto il valore del 3,1%.

La produttività del lavoro, misurata dal tasso di crescita annuo del PIL reale per occupato, si attesta nel 2017 allo 0,6%, registrando un incremento rispetto all’anno precedente; il valore risulta superiore sia al dato nazionale (0,4%), che a quello del Centro (-0,4%).

Il tasso di occupazione, per tutto il periodo preso in considerazione (2010-2017), è superiore sia a quello nazionale che a quello del Centro, attestandosi nel 2017 al 62,9%.

Il tasso di mancata partecipazione al lavoro, che rispetto al più noto tasso di disoccupazione fornisce una misura più ampia dell’offerta di lavoro, si attesta in Umbria nel 2017 al 15,9%, presentando per tutto il periodo 2010-2017 valori inferiori rispetto sia ai dati del comparto nazionale che a quelli del Centro (in questo caso tranne che nel 2012).

La quota di part-time involontario ha registrato il valore più elevato nel 2015, diminuendo poi negli anni successivi con un valore nel 2017 pari al 12,9%, superiore sia al dato nazionale (11,4%) che a quello del Centro italia (12,5%).

La percentuale di giovani tra 15 e 29 anni in Umbria che non lavorano, non studiano e non sono neppure in un percorso di formazione, i cosiddetti Neet, si mantiene per tutto il periodo 2010-2017 su valori inferiori alla media nazionale e ai dati del Centro, con un valore pari al 15,4% nel 2017 (contro il 20,1% dell’Italia e del 16% del Centro).

Diminuisce nel tempo il tasso di infortuni mortali e inabilità permanente, presentando nel 2016 un valore pari a 18,3% (26,8% nel 2010), rimanendo ancora decisamente superiore alla media italiana (11,6%).

In aumento, rispetto al 2010, l’Incidenza degli occupati non regolari sul totale degli occupati (12,9% in Umbria nel 2016), dato che comunque rimane inferiore alla media italiana per tutto il periodo considerato (2010-2016).

L’indicatore elaborato composito del Goal 8. 2010-2017. Umbria, Centro italia, Italia

L’indicatore composito elaborato del Goal 8 segnala un posizionamento dell’Umbria inferiore rispetto agli altri due comparti territoriali (Italia e Centro) fino al 2015 mettendo in evidenza la ricaduta della crisi economico finanziaria a partire dal 2010, con timidi segnali di ripresa nell’ultimo triennio considerato. In particolare, l’indicatore composito (calcolato fatto 100 l’Italia nel 2010) scende nel periodo considerato per i tre comparti territoriali presi in esame, ma la riduzione in Umbria risulta più contenuta.

NOTE:
(1) L’ASviS è l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, nata nel 2016, che riunisce attualmente oltre 200 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile. Svolge attività informativa e di diffusione per far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni, la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 e per mobilitare allo scopo di realizzare gli obiettivi.

GLOSSARIO:
Tasso di crescita annuo del PIL reale per abitante: Tasso di variazione annuo del PIL a prezzi di mercato per abitante in valori concatenati
Tasso di crescita annuo del PIL reale per occupato: Tasso di variazione annuo del PIL a prezzi di mercato per occupato in valori concatenati
Tasso di occupazione (15-64 anni): Percentuale di occupati di 15-64 anni sulla popolazione totale di 15-64 anni
Tasso di mancata partecipazione al lavoro: Percentuale di disoccupati di 15-74 anni + forze di lavoro potenziali di 15-74 anni che non cercano lavoro nelle 4 settimane ma sono disponibili a lavorare sul totale delle forze di lavoro 15-74 anni + forze di lavoro potenziali 15-74 anni che non cercano lavoro nelle 4 settimane ma sono disponibili a lavorare.
Quota di part-time involontario: Percentuale di occupati che dichiarano di svolgere un lavoro a tempo parziale perché non ne hanno trovato uno a tempo pieno sul totale degli occupati
Giovani che non lavorano e non studiano (NEET) (15-29 anni): Percentuale di persone di 15-29 anni né occupate né inserite in un percorso di istruzione o formazione sul totale delle persone di 15-29 anni
Tasso di infortuni mortali e inabilità permanente: Numero di infortuni mortali e con inabilita permanente sul totale occupati (al netto delle forze armate) per 10.000 occupati
Incidenza occupati non regolari sul totale degli occupati: Percentuale di occupati che non rispettano la normativa vigente in materia lavoristica, fiscale e contributiva sul totale degli occupati.

FONTI:
ISTAT, Produzione e valore aggiunto delle attività manifatturiere e del settore energetico, Input di lavoro per settore di attività economica e per tipologia di occupazione (regolare e non regolare), Conti economici regionali
ISTAT, Rilevazione sulle forze di lavoro
INAIL
ISTAT, Contabilità nazionale

Questo sito Web memorizza alcuni dati degli utenti. Questi dati vengono utilizzati per fornire una navigazione più personalizzata e per rintracciare la tua posizione sul nostro sito web in conformità con il Regolamento europeo sulla protezione dei dati (GDPR). Se decidi di rinunciare a qualsiasi tracciamento futuro, nel tuo browser verrà impostato un cookie per ricordare questa scelta per un anno. Accetto, nego
634